menu principale
18 maggio 2022

Guanti antinfortunistici: mansioni e classi di rischio

Proteggi Safety propone un ampio e variegato catalogo di guanti antinfortunistici. Scegli quelli che ti proteggono al meglio in base ai rischi della tua mansione.

Prodotti Dpi
Ogni lavoro comporta un certo grado di rischio per quanto riguarda i possibili pericoli che si possono incontrare durante lo svolgimento delle proprie mansioni. È necessario quindi disporre di adeguati DPI in modo da evitare infortuni indesiderati. Una delle parti del corpo che maggiormente viene esposta ai pericoli lavorativi è la mano e con la finalità di proteggerla da danneggiamenti lievi o importanti sono stati creati differenti tipologie di guanti antinfortunistici. Vediamo insieme le differenze ed i campi di utilizzo di questi dispositivi per la protezione individuale.

Guanti antinfortunistici: le categorie

Per distinguere il livello di protezione garantito dai guanti antinfortunistici la direttiva 89/656/CEE definisce una suddivisione di questi in tre categorie distinte:
●    Categoria I per rischi minori
●    Categoria II per rischi intermedi
●    Categoria II per rischi potenzialmente mortali o irreversibili


La prima comprende tutte quelle situazioni nel quale possono riscontrarsi pericoli ma di bassa entità e facilmente individuabili, come nel caso di mansioni di giardinaggio. In questo caso i guanti possono essere certificati direttamente dal produttore.
Il secondo gruppo fa riferimento a dispositivi impiegati in ambienti a medio rischio e che devono essere resistenti all’abrasione, al taglio e alla perforazione. Vengono infatti utilizzati in contesti nel quale vengono maneggiati strumenti taglienti e più pericolosi. La certificazione deve provenire da organismi di controllo esterni ai produttori e autorizzati.
L’ultima categoria è quella riservata ai guanti antinfortunistici specifici per i livelli di rischio elevati e che potrebbero mettere in serio pericolo l’incolumità del lavoratore. Anche in questo caso è indispensabile una certificazione proveniente da un ente esterno a quello di produzione. Per questa categoria è inoltre sempre richiesta la marcatura CE.

Guanti antinfortunistici: le tipologie

Una ulteriore divisione possibile per comprendere integralmente le caratteristiche dei guanti antinfortunistici è quella basata sulle tipologie di lavori che possono essere compiuti durante il loro utilizzo. In base a questo vediamo la differenziazioni in guanti di protezione:
●    contro il rischio meccanico
●    contro il rischio termico
●    contro il rischio chimico
●    contro le radiazioni e la contaminazione radioattiva
●    isolanti
●    contro l’uso di seghe elettriche

A loro volta, ognuno di questi si divide in altrettanti sottogruppi per quanto riguarda la protezione che possono garantire. Se prendiamo ad esempio il rischio meccanico, vedremo guanti antinfortunistici resistenti al taglio, allo strappo, alla perforazione e all’abrasione, ognuno con una scala di resistenza da 0 a 4 o da 0 a 5 per indicare il livello di sicurezza del dispositivo. In questo modo potrà essere subito identificabile il guanto più adatto ad una specifica circostanza.
Per ulteriori approfondimenti leggete anche questo articolo.



Materiali dei guanti da lavoro

I guanti da lavoro possono essere realizzati in diversi materiali a seconda della protezione che devono garantire. Tra quelli più utilizzati troviamo:
●    guanti in pelle
●    guanti in nitrile

La pelle crea un’ottima barriera che protegge dal rischio meccanico e dal freddo. I guanti da lavoro prodotti con questo materiale offrono un adeguato isolamento termico nelle stagioni più fredde.
Il nitrile è molto utilizzato nella produzione di guanti perché permette di avere DPI leggeri che possono essere utilizzati anche per i lavori di hobbistica. Solitamente è unito al nylon che garantisce un certo grado di traspirabilità. Questo materiale garantisce un’ottima presa, è antigraffio e impermeabile. È importante ricordare che questa tipologia di guanto è più adatta a lavori con basso rischio di infortunio. Per una maggiore protezione si può optare per altri materiali come il kevlar, tra i più usati per la creazione di guanti da lavoro antitaglio e per livelli di protezione da 3 a 5. Il kevlar è indicato come barriera contro i rischi chimici ed è altamente impermeabile e anticalore. Esistono poi diverse tipologie di tessuto che garantiscono maneggevolezza degli attrezzi e allo stesso tempo proteggono dal freddo convettivo e da quello di contatto. Per la scelta dei guanti da lavoro più adatti a voi è necessario sapere i rischi che potete incontrare. In questo modo potete scegliere la massima protezione in base alle mansioni che svolgete.

Proteggi Safety ha un vasto catalogo di guanti da lavoro. Per maggiori informazioni non esitate a contattarci!
Articoli correlati
Antinfortunistica - Dpi
Scarpe antinfortunistiche da lavoro U Power
- 20 aprile 2022
Antinfortunistica - Dpi
Acquisto di prodotti antinfortunistica e dpi a Milano
- 15 gennaio 2021
Abbigliamento da lavoro
Abbigliamento da lavoro estivo traspirante e confortevole
- 23 marzo 2022
torna al blog
Autore
Articolo scritto da: PROTEGGI
CONDIVIDI
Articoli recenti
Segnaletica
Cartelli di divieto per luoghi di lavoro e proprietà privata
PROTEGGI 27 giugno 2022
Abbigliamento da lavoro U-Power
PROTEGGI 16 giugno 2022
Prodotti - Abbigliamento da lavoro
Le caratteristiche dell'abbigliamento ad alta visibilità
PROTEGGI 16 giugno 2022
Antinfortunistica - Dpi - Abbigliamento da lavoro
Scarpe antinfortunistiche estive: sicurezza dei migliori Brand
PROTEGGI 31 maggio 2022
Articoli popolari
segnaletica
  • Segnaletica
Cartelli di divieto per luoghi di lavoro e proprietà privata
PROTEGGI27 giugno 2022
Abbigliamento da lavoro U-Power
PROTEGGI16 giugno 2022